Santo Stalin

Il 5 marzo 1953, alle ore 21,50, moriva Giuseppe Stalin. Per causa sua, e dell'ideologia comunista, milioni di uomini furono processati, torturati, imprigionati, condannati ai lavori forzati ed infine sterminati. Naturalmente i credenti di ogni religione, specialmente gli ortodossi ma anche milioni di cattolici subirono atroci persecuzioni. Notizie note anche a quell'epoca. Tuttavia, l'UnitÓ, giornale dell'allora Partito Comunista Italiano, appresa la morte del dittatore sovietico, scriveva: "I comunisti e i lavoratori italiani, inchinano le loro bandiere dinanzi al Capo dei lavoratori di tutto il mondo, al difensore della pace [sic!], al costruttore della societÓ socialista, all'Uomo che pi¨ di tutti ha fatto per la liberazione e per il progresso del genere umano [sic!]".

Anche il senatore Sandro Pertini, poi Presidente della Repubblica, intervenne il 6 marzo per commemorare la morte di Stalin. Sono sue molte espressioni che oggi farebbero semplicemente rabbrividire. Eccone una: "Amici ed avversari debbono oggi riconoscere l'immensa statura di Giuseppe Stalin. Egli Ŕ un gigante della storia e la sua memoria non conoscerÓ tramonto".