Via Crucis al Colosseo A.D. 1992

presieduta dal Santo Padre Giovanni Paolo II

 

meditazioni del card. Miroslav Vlk

 

 

Nel nome del Padre…

 

Fratelli e sorelle, attraverso il racconto evangelico della Passione, Dio ci invita a partecipare al cammino doloroso del Figlio per giungere con lui alla gioia della Pasqua.

Percorrendo questa sera la Via Crucis non vogliamo dunque essere solo spettatori, ma compagni di cammino.

Ogni personaggio della Passione è specchio e ammonimento per noi: ci spinge a considerare quale sia la nostra situazione dinanzi a Dio. Ma soprattutto Gesù, l'uomo dei dolori, ci invita a vivere le sofferenze nostre e quelle di tutta l'umanità in unione con lui.

Consideriamo, fratelli e sorelle, la fecondità dell'amore di Cristo!

Contempliamo il frutto della sua offerta sulla Croce: il dono dello Spirito, che raccoglie tutti gli uomini in unità e rinnova l'universo.

 

Preghiamo

Illumina, Padre, con la luce dello Spirito noi tuoi figli, perché la meditazione della Via della Croce ci induca a compiere una scelta più radicale di te e a vivere il mistero del dolore in unione con il tuo Figlio, crocifisso per la nostra salvezza. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen

 

Prima Stazione

GESÙ NELL'ORTO DEGLI ULIVI

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secondo Marco

14, 32-36

Giunsero a un podere chiamato Getsemani. Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e disse loro: “La mia anima è triste fino alla morte. Restate qui e vegliate”. Andato un po' innanzi si gettò a terra e pregava: “Abbà, Padre! Tutto è possibile a te, allontana da me questo calice! Però non ciò che io voglio, ma ciò che vuoi tu”.

 

Meditazione

“Abbà, Padre!” Parola di fiducioso abbandono, che rivela l'abisso di amore nel quale vive Gesù, come Figlio del Padre. Tutto egli può confidare al Padre: paure, necessità, desideri. Al Padre tutto è possibile.

Ma Gesù non si impone al Padre. “Mio cibo - aveva detto un giorno - è fare la volontà di colui che mi ha mandato” (Gv 4,34).

E lo riafferma ora, immerso nell'angoscia estrema. Una sola cosa è buona: ciò che vuole il Padre. Svuotato, spoglio di sé, Gesù è tutto dono, risposta senza riserve all'abisso d'amore del Padre.

Ecco il destino di noi uomini: vivere da figli, abbandonati con totale fiducia al Padre, fino a lasciare che il Figlio viva in noi e informi tutti i nostri atti, perché diveniamo nel mondo mani della Provvidenza, strumenti di pace e di unità.

 

Padre nostro

 

Stai, madre dolorosa,

alla croce lacrimosa

con il Figlio vittima.

 

Seconda Stazione

GESQ TRADITO DA GIUDA, IL ARRESTATO

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secondo Marco

14,43.45-46

Arrivò Giuda e con lui una folla con spade e bastoni mandata dai sommi sacerdoti, dagli scribi e dagli anziani. Gli si accostò dicendo: “Rabbì” e lo baciò. Essi gli misero addosso le mani e lo arrestarono.

 

Meditazione

Una folla con spade e bastoni: vengono alla memoria le innumerevoli scene della storia che hanno visto ergersi l'uomo contro l'uomo. Il bacio del traditore: simbolo della menzogna che da sempre corrompe i rapporti tra uomo e uomo.

A tanto giunge la libertà quando non si apre al dono; a tanto giunge l'uomo quando rimane prigioniero di sé, schiavo del suo egoismo. Eppure Giuda era stato guardato da sempre con infinito amore e Gesù lo aveva scelto con gratuita predilezione.

Giuda, tragica figura! Non comprende il disegno salvifico di Dio: è scandalo per lui. Chiuso in se stesso, nell'arrogante sicurezza delle proprie ragioni, perverte la sua libertà e la perde, per sempre.

Quanto diversa è la libertà di Gesù! Per amore del Padre e degli uomini, egli si consegna. Non fa ricorso alla spada. Non mente. Si dona. E donandosi vince il male e libera l'uomo, per sempre.

 

Padre nostro

 

Una spada a te gemente,

tenerissima e dolente,

trapassava l'anima.

 

 

 

Terza Stazione

GESÙ È CONDANNATO DAL SINEDRIO

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secwndo Marco

14,55.60-61.62.64 à

I capi dei sacerdo”i e tutto il sinedrio cercavano unq testimonianza contro Gesù per metterlo a morte, ma non la trovavano. Il sommo sacerdote inwerrogòÝ Gesù dicendo: “Sei tu il Cristo, il Figlio di Dio beîÖdetto?”. Gesù è rispose: “Io lo sono!”. Tutti óen\enziarono che era reo di morte. ?/sían>

$span style="mso-bidi-font-s‰ze:11.0pt;layouÄ-gridmode:line"> 

<2 style="line-height: 100%; margin-top: 0; margin-bottom: 0">Meditazione

I capi lei [agerdoti e il sinedqio: immagine drammatica di chi vive schiavo delle proprie convinzioni, prigioniero della sua politica e del suo stesso sistema; specchio impidtoso di c'loro c^e, arroccati nevleÀproprie certezze, non sanno cogliere il manifestarsi di \io; segno violento di chi, aggrappato al potere, è incapace di riconoscere e servire la Verità.

Gesù aveva detto: “Nessuno può servire due padroni” (Mt 6, 24). Ecco la sfida lanciata all'uomo di tutti i tempi: uscire da sé abbandonando vantaggi e sicurezze, aprirsi senza Condizioni alla Verità càe sola rende liberi.

Chi fa un idolo dei propri costumi ed istituzioni sente la Verità come minaccia: egti non l'accoglie: la sacrifica. h

Uomini e popoli, aprite le porte a Cristo! Aprite le men¬i alla Verità che salva! Aprite i cuori alla Verità dell'Amore!

 

Padre nostro

 

Quanto triste, quanto afflitta

eri, o madre derelitta,

presso l'unigenito.

 

Quarta Stazione

GESÙ RINNEGATO DA PIETRO

 

Ti adoriamo Cristo…

&nb+p;

Dal Vangelo secndo Luca

22,59-62

Passata circa un'ora, un Ùltro servë del sommo sacerdkte insi_teva: “In verità, anche queöto era Uon lui; è@anche lui un Galileo”. Ma Pietro diSse: “O # uomo, non sj quello che dici”.#Ehin yuell.istante, mentre ancor` parlava, un galLO cantò. Allora il Kignhre, voltatosi, guardò Piero, e Pietrl si 9 ricordò delle parole che il SibXore gli avIvaàdetto: “Pri®a che@il gallo cÙnti, oggi mi súnnegherai tre volte”. E uscito, pianse am¬ramente. /o:p>

span stale="font-siz=912.0pt;mso-bidi-font-size:1.0pt">Medibzione6 <½span> Non basta aver conosciuto Gesù eaver asclltato la Parola di vita; non basta aver udito pro.esse straordinaCie e aver assistito a miracoli grandiosi; non bapta neppure aver visto Gesù trasfigurarsi per restare fedeli ed essere salvi.

Elevato ad altissima dignità Pietro fallisce clamorosamente, lui che si era dichiarato pronto id affrontare con Gesù anche la morue!

span style="mso-bidi-font-size:11.0pt;layout-grid-mode:line">Ricreato da Colui che “ha scelto ciò che nel mondo è debole” (cf. 1 Cor 1, 27) sarà a capo del nuovo popolo. E con cuore ormai libero seguirà il suo Signore fino ad offrire, ancle lui, lš vita.

C

tspan style="mso-bidi-font-size:11.0ptÛlayout-grid-mode:line"> 

Padre nostro

 



Ti accoravi,¹ti affliggevi,

pia madre, che vedevi

il tuo Figlio martire.

 

 

Quinta Stazione

GESU È GIUDICATO DA PILATO

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secondo Luca

23,13,20-25

Le autorità e il popolo, urlavano: “Crocifiggilo, crocifiggilo!”. Ed egli, per la terza volta, disse loro: “Ma che male ha fatto costui? Non ho trovato nulla in lui che meriti la morte. Lo castigherò severamente e poi lo rilascerò”. Essi però insistevano a gran voce, chiedendo che venisse crocifisso; e le loro grida crescevano. Pilato allora decise che la loro richiesta fosse eseguita. Rilasciò colui che era stato messo in carcere per sommossa e omicidio, e abbandonò Gesù alla loro volontà.

 

Meditazione

Pilato: ancora una volta l'uomo schiavo di falsi valori. Custode del diritto e della giustizia, Pilato non vorrebbe consegnare Gesù, ma la sua debole volontà si sgretola sotto la pressione della folla.

Il suo cuore non è ancorato in Colui che solo salva; ondeggia tra il dovere di salvare l'Innocente e il desiderio di salvare se stesso. Prevale, alla fine, la paura, il rispetto umano. Vince il calcolo, il compromesso politico.

Un incontro mancato, eppure così vicino: l'incontro di Pilato con Gesù, con la Verità. L'offerta divina è soffocata dalle “spine”: la preoccupazione del mondo, l'inganno della ricchezza (cf. Mt 13,22).

Quanta libertà occorre per incontrare Gesù, per scoprire e rispondere al suo amore: libertà dai legami e dai condizionamenti umani, libertà da ogni compromesso, libertà da se stessi!

 

Padre nostro

 

Chi alle lacrime non cede,

madre santa, se ti vede

in supplizio gemere?


Sesta Stazione

GESC È FLAGELLATO E CORONATO DI SPINE

 

Ti adoriamo Cristo

 

Dal Vangelo secondo Marco

15,17-19

I soldati, dopo aver intrecciato una corona di spine, la misero sul capo di Gesù. Cominciarono poi a salutarlo: “Salve, re dei Giudei!”. E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso.

 

Meditazione

Umiliato, deriso, percosso: il Figlio dell'uomo si incammina sulla via della sofferenza.

In lui si compie la parola profetica di Isaia: “Uomo dei dolori... si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori” (Is 53,3-4).

Gesù, uomo dei dolori, prende su di sé il dolore di tutta l'umanità: tradito con i traditi, perseguitato con i perseguitati, fallito, rifiutato, tribolato, torturato, barattato, condannato a morte, divenuto maledizione, trattato da peccato, identificato con tutti per tutti salvare. Non c'è dolore che egli non abbia fatto suo. Per noi. Per portarlo insieme con noi.

Gesù, uomo dei dolori, tu ci sei accanto anche nella sofferenza più cruda. Nel tuo sconfinato amore hai voluto in ogni tempo unirti ad ogni uomo. Donaci di riconoscere il tuo volto in ogni uomo che soffre; insegnaci ad accoglierti quando ci vieni incontro, per consumare con noi la tua passione.

 

Padre nostro

 

Chi non soffre a contemplare

te con Cristo spasimare

nello strazio unanime?

 

 

Settima Stazione

GESU È CARICATO DELLA CROCE

 

Ti adoriamo Cristo

 

Dal Vangelo secondo Marco

15,20

Dopo aver schernito Gesù lo spogliarono della porpora e gli rimisero le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo.

 

Meditazione

La via della croce, via controcorrente. Noi fuggiamo le difficoltà, i pericoli, i dolori. Gesù li prende su di sé, per amore del Padre per amore di noi: “Padre, non sia fatta la mia, ma la tua volontà” (Œc 22,42). Scelta libera, complfto abbandono nelle mani amorose del Padre.

La via della croce, via della Sapienza divina. Quanto diversa la scelta di Dio dalle scelte degli uomini! Inviando il suo Figlio nel mondo Dio ha scelto per lui la via del dolore. Ha sfidato cosi l'uomo a guardare lontano: dallo scacco del dolore lo slancio liberatore dagli orizzonti ristretti del nostro io; dalla no¼te della sofferenza il dono totale di sé, in cui l'uomo trova pienezza di vita: Chi cercherà di salvare la propria vita la perderà, chi invece la perderà la salverà” (Lc 17,32).

La via della croce, via d'amore: un nuovo stile di vita; un nuovo stile di ricerca della salvezza, del successo, della felicità; un nuovo stile per risolvere, alla radice, i grandi problemi dell'umanità.

 

Padre nostro

Per le colpe delle genti

tu vedevi nei tormenti

il Figliol percuotere.

 

Ottava Stazione

GESÙ È AIUTATO DAL CIRENEO A PORTARE LA CROCE

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secondo Luca

23, 26

Mentre conducevano via Gesù, presero un certo Simone di Cirene che veniva dalla campagna e gli misero addosso la croce da portare dietro a Gesù.

  /span>

Meditazione

La croce di Cristo, le nostre croci. Senza quella prima croce il dolore di milioni di uomini non avrebbe un significato. Per quella croce, invece, ogni sofferenza è un invito a unirci a Gesù; ogni dolore è un'occasione per dirgli: “Eccomi, Signore, ho scelto te, voglio seguire)te”.

Simone di Cirene e Gesù: sulla via del Calvario portano la stessa croce. Schiere di martiri hanno fatto altrettanto, non per costrizione, ma in piena libertà.

Quale mistero: Gesù condivide con noi la sua croce! Come non abbracciarla, allora, ogni giorno, nei nostri dolori, nel peso e nei doveri delle nostre giornate? Per poter dire con Paolo: “Completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo, a favore del suo corpo che è la Chiesa” (Col 1,24).

Gesù, tu non hai riservato nulla per te. Tutto dividi con noi, fino ad elevarci alla tua stessa dignità, fino a farci partecipi della tua stessa opera di Redentore. Aiuta ognuno di noi a portare la tua croce nella croce dell'altro!

 

Padre nostro

Tu vedevi il dolce nato,

moribondo desolato,

esalar lo spirito.

&nbsP;

 

Nona Ptazione

GESÙ INCONTRA LE DONNE I GERUSALEMME

 

Ti adoriamo Cristo… i

 

Dal Vangelo secondo Luca

23, 27-28 àÆ

Lo &seguiva una gran folla di popolo e di donne cie si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù disse: “Figlie di GErusalemme, non piangete su di me, ma piangete su vom stesse e sui vostri figli”.

&nbsl;

Meditazione

Ancora l'estrema libertà di Gesù! Sulla via del Calvariw egli incontra le figlie di Gerusalemme, che finno lamenti su di lui: “Non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli”. Gesù non pensa a sé, non è chiuso nel propjio dramma: piange sulla sorte che attende il suo popolo.

Gesù, perché noi avessimo la vita, tu hai dato la tua vita. Quale annientamento, quale abisso di amore!

Gesù, libera i nostri cuori dall'egoismo, dall'arroganza, dalla presunziOne dell'autosufficienza. Apri tutti, uomini e popoli, all'amore per i fratelli; disponili all'incontro con te, con il Padre, con lo Spirito Santo.

Donaci una mente secondo il tuo cuore, che Mbbracci l'intera umanità!

 

Padre nostro

Madre, fonte dell'amore,

fa' ch'io senta il tuo dolore,

ed insieme lacrimi.

 


Decima Stazione

GESÙ È CROCIFISSO

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secondo Marco

15,24

Lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse quello che ciascuno dovesse prendere.

 

Meditazion›

L'Uomo-Dio è moribondo. I soldati si dividono le sue vesti e tirano a sorte chi debba prendere la tunica: la logica del “prendere”fa sì che un pugno di vesti divenga più importante dell'uo o vivente.

Ma sullo sfondo tetro dell'egoismo umano si staglia la luce dell'Amore divino. Amore che dona tutto: i vestiti ed ogni bene materiale, la libertà ed ogni bene spirituale.

Gesù non trattiene nulla per sé: sulla croce le braccia sono distese per accogliere, le mani aperte per dare. Il corpo inchiodato sulla croce, inchiodato lo spirito alla volontà del Padre, tutto Egli offre per noi, per riconciliarci a Dio. L'uomo, prendendo, divide, Gesù, donando, unisce cielo e terra.

Gesù, solo il tuo amore può guarirci dalla nostra avidità, solo la tua grazia può sradicare dai nostri cuori la cultura del “prendere e possedere”, che divide uomini e popoli.

Instaura, Signore, sulla terra la cultura del “dare e condividere”.

Inaugura una nuova epoca, in cui fiorisca tra gli uomini la civiltà della solidarietà, la civiltà dell'amore.

 

Padre nostro

 

Fa' che avvampi il cuore mio

nell'amare Cristo Dio,

sì che a lui mi assimili.


Undicesima Stazione

GESÙ PROMETTE IL SUO REGNO AL BUON LADRONE

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secondo Luca

23,39-40.42

Uno dei malfattori appesi alla croce insultava Gesù. Ma l'altro lo rimproverava: “Neanche tu hai timore di Dio?”, E aggiunse: “Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno”.

 

Meditazione

In Gesù ogni uomo, qualunque sia la sua condizione, trova motivo per sperare: nel suo infinito amore, Egli promette la salvezza ad ogni uomo.

Ma come è facile non credere alla promessa di un Dio, che si presenta disarmato, crocifisso tra due malfattori crocifissi! Come è facile non accogliere A suo amore!

Chi di noi, come il ladrone impenitente, non è stato tentato di chiudersi ostinatamente nel suo peccato? Chi, nel momento della sventura, non ha reagito con un moto di rifiuto?

Beato il buon ladrone! Pur coperto di colpe, è toccato dall'amore di Gesù e riconosce in lui il Dio che salva.

Come il pubblicano nel tempio, il ladrone non ha nulla da presentare a Gesù, se non il suo cuore aperto al pentimento, all'umile richiesta di amicizia: “Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno” (Lc 23,42). Miracolo dell'amore di Dio: chi si apre al dono, riceve: “Oggi sarai con me nel paradiso” (Lc 23,43).

Gesù, donaci il coraggio di gettare il nostro passato nella tua misericordia! Insegnaci a diventare semplici, a liberarci dalle ideologie e dagli schemi mentali inutili. E introduci tutti noi nel tuo Regno di gratuito amore.

 

Padre nostro

 

Santa madre del Signore,

fortemente dentro il cuore

le sue piaghe infiggimi.

 

 

Dodicesima Stazione

GESÙ IN CROCE, LA MADRE E L DISCEPOLO

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secondo Giovanni

19,26-27

In quell'ora, Gesù vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: “Donna, ecco A tuo figlio!”. Poi disse al discepolo: “Ecco la tua madre!”. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.

 

Meditazione

“È giunta l'ora” (Gv 12,23). L'ora della nuova creazione, l'ora in cui, come dalle doglie del parto, nasce la Chiesa. Giovanni è affidato a Maria, Maria è consegnata a Giovanni: primizia del nuovo popolo nato dalla croce di Cristo, segnato per sempre dal suo comandamento:

“Amatevi gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gv 15,12-13).

Maria e Giovanni: gli esordi della Chiesa. Ma a quale prezzo! Dopo aver donato tutto, Gesù dona anche la Madre. Da quel momento Gesù sulla croce è solo. Anche la Madre è sola, privata del Figlio. Ma Gesù vuole che il suo posto sia preso da uno di noi; e ancora una volta Maria pronunzia il suo “sì”e di nuovo diviene madre: madre non più soltanto di Gesù, ma di tutto il suo corpo: Madre della Chiesa.

Anche noi siamo affidati alla Madre; anche a noi è affidata la Madre; come Giovanni dobbiamo condurla nella nostra casa, per apprendere, nella convivenza con lei, il suo stile di pensare e di agire, di servire e di amare.

 

Padre nostro œ

 

Con il figlio tuo ferito,

che per me tanto ha patito,

dividiam gli spasimi.

=span style="mso-bidi-font-size:11.0pt;layout-grid-mode:line"> 

 

Tredicesima Stazione

GESÙ MUORE SULLA CROCE

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secondo Marco

15,34.36-37

Alle tre Gesù gridò con voce forte: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. Uno corse ad inzuppare di aceto una spugna e gli dava da bere. Ma Gesù, dando un forte grido, spirò.

 

Meditazione

Gesù, la terra ti ha rifiutato. Ora, innalzandoti sulla croce, sembra volerti restituire al Cielo. Tu, respinto ed espulso, intercedi per tutti: “Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno” (Lc 23,34).

Unico rifugio, il Padre.@Ma ecco l'inaudito, l'inconcepibile: anche il Cielo sembra chiuso. Il Padre tace.

Si spalanca una voragine, da cui sale il grido più angoscioso di tutti i tempi: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” (Mc 15,34).

Grido d'angoscia, eppur grido di amore, grido come di partoriente (cf. Gv 16,21). Gesù ha fatto suo l'arido deserto del cuore dell'uomo, che, dai solchi della storia, a volte senza neppure saperlo, invoca la grazia.

Gesù, nel buio della prova, hai sperimentato la lontananza di Dio, ma con supremo atto di amore ti sei abbandonato nelle sue mani: “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito” (Lc 23,4).

E, mentre spiravi, l'abbandono si è fatto dono per noi: dono dello Spirito Santo che ci consente di gridare, con la libertà dei figli, “Abbà, Padre!” (Rm 8,15).

  %

Padre nostro

—

 

Fin che vita in me rimanga, con te, madre, fa' ch'io pianga

di Gesù il patibolo.

 

 

Quattordicesima Stazione

GESÙ È DEPOSTO NEL SEPOLCRO

 

Ti adoriamo Cristo…

 

Dal Vangelo secondo Marco

15,46

Giuseppe d'Arimatea, comprato un lenzuolo, calò il corpo di Gesù giù dalla croce e, avvoltolo nel lenzuolo, lo depose in un sepolcro scavato nella roccia.

 

Meditazione

Il sepolcro: termine di ogni speranza che sia solo umana. Un corpo esanime: ecco tutto quello che rimane di Gesù agli occhi del mondo. Quanto sono limitate le vedute umane; quanto infinitamente più grandi gli orizzonti che Dio schiude.

La tomba di Gesù: luogo di risurrezione. Il suo corpo: “chicco di grano” che, “caduto in terra, produce molto frutto” (cf. Gv 2,24).

Gesù, morto in croce, solo, sei risorto “primogenito tra molti fratelli” (Rm 8,29).

Offrendoti per noi, hai fatto di noi il tuo corpo: la Chiesa (cf. Col 1, 18).

La tua carne mortale è stata deposta nella terra; la tua carne risorta anticipa “nuovi cieli e nuova terra” (cf . Is 65,17; Ap 2 1,1).

Il tuo sepolcro: sigillo sacro della tua via; sigillo dell'amore vero. Solo chi, per amore, sa anche morire, porta vita: vita che non delude, vita che vince la morte.

 

Padre nostro

 

Alla croce insieme stare,

nel tuo pianto me associare,

madre mia, desidero.

 

Benedizione